8 Marzo: Il Percorso della Ciclopedalata Arcobaleno

La Ciclopedalata Arcobaleno è il secondo appuntamento del calendario delle ciclopedalate del Rando Tour Campania. Il percorso di circa 110 km attraversa i comuni di S. Agata dei Goti, Melizzano, Limatola ed avrà un’altimetria che supererà di poco i 1000 metri.  Sarà possibile ammirare bellezze artistiche, paesaggistiche, naturalistiche e ci sarà spazio per l’enogastronomia con un due punti di ristoro. Il percorso si sviluppa prevalentemente su strade a basso impatto di traffico tra le province di Napoli, Caserta e Benevento. Prevede uno ‘strappo’ e tre salite, tutte brevi e pedalabili.

La giornata inizierà alle 7:30 presso il Centro Pomilia di Pomigliano (Via Sandro Pertini 40) che è dotato di servizio docce, di un’area parcheggio e di un ristorante-bar. La partenza della ciclopedalata sarà, però, ‘alla francese’ dalle 8:00 alle 8:30 presso Biciclette Marzano, in Via Nazionale delle Puglie, 220/24 (Pomigliano d’Arco) che dista qualche chilometro dal punto riunione. 

La ciclopedalata condurrà da Cancello Scalo a Durazzano attraverso i tornanti della ben nota salita, e di lì al primo punto di controllo/ristoro nel centro storico di Sant’Agata de Goti, presso la sede della proloco. Il passaggio di Sant’Agata vi darà occhi nuovi per la scoperta di uno dei borghi più belli d’Italia!

In uscita dal centro di Sant’Agata ad attendere i ciclisti ci saranno altre tre ‘salitelle’ del nostro tour: lo strappo della Valle del Diavolo e le salite di Faggiano e di Laiano per un ‘assaggio’ delle prime pendici del Taburno. Dall’altezza di Laiano, la cima più alta della giornata, si planerà in discesa, dal bivio di Frasso Telesino, al comune di Melizzano in direzione di Castel Campagnano. Avremo modo di attraversare il ponte sul Volturno e di giungere al secondo posto di controllo/ristoro nel Comune di Limatola, nota per il castello medioevale e per i mercatini di Natale. Da Limatola si ritornerà, passando per il famoso Acquedotto Carolino e, quindi, al bivio della fontana di Gaudello al Centro Pomilia di Pomigliano per il pasta-party finale.

Coloro che volessero soggiornare nei dintorni del punto di partenza della ciclopedalata, il Centro Pomilia mette a disposizione piccole camere uso foresteria. Coloro che fossero interessati possono contattare la ASD Facc’è Bike al seguente indirizzo email: Faccebike@gmail.com. In ogni caso, a richiesta, coloro che sono interessati ad altre sistemazioni, la ASD fornirà consigli ed indirizzi su hotel e B&B nelle vicinanze.

A breve sarà possibile iscriversi alla ciclopedalata sul sito della ARI dove sarà disponibile anche la traccia GPS. Le iscrizioni si chiudono il 6 marzo 2020. 

Premiati per le ciclopedalate !

Siamo stati premiati per le ciclopedalate ! I Facc’e Bike primi in Campania nelle ciclopedalate nel Rando Tour Campania 2019 ! C’eravamo quasi tutti !

Per la precisione abbiamo pedalato per 3300 Km nel Rando Tour Campania 2019. Il premio: un prosciutto (un Jamòn Serrano) che ci è stato consegnato ieri 30 Novembre al Palazzo Ducale di Marigliano al raduno d’autunno dell’ARI ottimamente organizzato dall’amico Ferdinando Caliendo, neo-presidente dei Randagi Campani. La sala era piena. C’erano tutte le associazioni del Rando Tour Campania 2019. Il movimento in Campania è una novità significativa nel panorama delle randonnée e del cicloturismo in Italia. Le associazioni hanno ragionato sulla stagione trascorsa e hanno presentato il calendario delle pedalate del Rando Tour Campania 2020 Per noi è stato un momento molto importante: non solo, perché siamo stati premiati, ma anche perché l’anno prossimo ci cimenteremo nell’organizzazione di una ciclopedalata: la ciclopedalata arcobaleno che si svolgerà il prossimo 8 marzo: una data molto importante.

Intanto ci godiamo questo momento. Siamo un’associazione nata solo da un anno e non possiamo che essere contenti per quello che siamo riusciti a realizzare sinora. Non sappiamo ancora quando mangeremo il prosciutto, si accettano suggerimenti per gli accoppiamenti culinari.

Sulla via del grano, ovvero la pianura non esiste !

Ieri con Enzo e Antonio abbiamo partecipato all’ultima prova del Rando Tour Campania, La via del Grano, scegliendo, come di consueto il percorso dei 100 km. Siamo partiti da Eboli presso il Centro Commerciale ‘Le Bolle’ in una bella giornata di settembre. Il sole ci ha accompagnati per l’intera pedalata, anche se il caldo non è stato eccessivo. Anzi i primi km li abbiamo fatti di buon mattino e con una temperatura piacevole. Non è stato poi difficile riscaldarsi: fatta eccezione per qualche trascurabile tratto, abbiamo percorso 100 km sempre in salita e discesa. Salite non impegnative, a parte qualche strappo verso Valva e poi discese. La pianura, da queste parti è un bene scarso: 1700 di altimetria (per non parlare di chi ha scelto la Rando completa di 200km) ! Bisogna, però, dire che il percorso è molto bello sia paesaggisticamente che culturalmente.

La Via del Grano è ‘l’appellativo attribuito all’antico Regio Cammino di Matera, un’arteria stradale che collegava nell’Ottocento il Principato Citeriore e l’Ulteriore, le attuali province di Salerno e di Avellino, con la Basilicata. Voluta nel 1789 da re Ferdinando IV di Borbone, su proposta del Marchese di Valva, Soprintendente di Strade e Ponti, serviva non solo a congiungere i comuni dell’entroterra campano e lucano, da Eboli a Melfi, ma anche ad assicurare il trasporto del grano e delle altre derrate alimentari dalle fertili pianure della Puglia alla capitale del Regno di Napoli’ (http://www.weboli.it/it/la-via-del-grano.html). Una strada ideale per lo sviluppo del cicloturismo in Campania, inclusa molto opportunamente nel depliant della Regione Campania, tra i percorsi più significativi.

Il disegno dei 100 km ci ha condotti ad attraversare Oliveto Citra, passare Valva presso Villa Ayala, andare a Colliano (un altro paese sospeso nel tempo), ripiegare verso Contursi Terme ed infine ritornare verso Eboli. Ciascun paesino, secondo me, avrebbe meritato una sosta. Segnalo tre luoghi che mi hanno colpito: la rocca di Quaglietta , la Villa Ayala (troppo ‘ripiegata’ in se stessa con custodi più attenti a controllare il passaggio all’entrata che ad accogliere visitatori: che senso ha custodire tale bellezza senza aprirla alla fruizione dei molti?), Colliano con paesaggi sul versante della montagna, cibo doc (il tartufo nero) e una serie di palazzi e chiese da visitare. Opportunamente pubblicizzati, anche in fase di lancio della Rando, avrebbero contribuito ad accentuare l’appeal dell’iniziativa. Avrei immaginato, inoltre, un punto di partenza e di arrivo più intonato ai valori del percorso. Nulla da dire sull’ospitalità del Centro Commerciale, ma il ‘terzo tempo’ poteva essere previsto in un luogo che esprimeva meglio le qualità paesaggistiche o culturali della Rando.

Domani a Parete per la Rando 30 pioli

Ci si avvicina all’autunno, alla stagione della vendemmia. Domani andremo a Parete per partecipare alla ciclopedalata 30 pioli organizzata dagli amici Fun-biker nel quadro del Rando Tour Campania. Vedremo le famose scale per la raccolta delle uve dell’Asprinio e gireremo nella provincia di Caserta, terra prodiga di uva e ottimi prodotti. Sarà un divino percorso di vino !

Perfect Day

La partecipazione alla Rando Primavera 120 è stata magnifica ! Una giornata perfetta per la bici. Temperatura, sole, umidità, vento erano quelli giusti. Ma la Costiera Amalfitana oggi era una favola. Un paradiso ! Uniche note stonate: una bucatura, la rottura di una ‘lucina’ della bici, i motociclisti in Costiera (vere e proprie minacce per pedoni, ciclisti e automobilisti) e il traffico a Salerno. Non diversamente da altre città e luoghi della Campania si continua a non capire come sia necessario cambiare i circuiti della mobilità. Abbiamo chiuso la Rando con doccia e pranzo a Pagani. A corollare il tutto le ‘polacche’ di Pietro, una vera e propria dolcezza per il palato.